ALLORO (Laurus Nobilis), ricetta Liquore

Pubblicato da: Casalunga Piante e Fiori In: Piante Aromatiche Sopra: mercoledì, marzo 15, 2017 Commento: 0 Colpire: 356

La primavera è ormai alle porte e il nostro vivaio si sta riempiendo di colori ma anche di profumi. Ebbene sì, è tempo di piante aromatiche che, con i loro profumi intensi e profondi, ci regalano un senso di benessere e pace.

Oggi vi vogliamo parlare dell’Alloro, una pianta aromatica appartenente alla famiglia Lauraceae,  molto diffusa nelle nostre zone, soprattutto nei paesi con clima mite. Il Lauro cresce soprattutto nei paesi del Mediterraneo e lo si può trovare spesso in giardini e parchi come pianta ornamentale (molto spesso come siepe) o come pianta aromatica in aiole, proprio per la sua fragranza aromatica.

L’Alloro è una pianta perenne a portamento arbustivo e può assumere la forma di un cespuglio o di un albero, fino a raggiungere i dieci/dodici metri di altezza se trova le condizioni ottimali. I fiori sono riuniti in infiorescenze a grappolo o in cime ascellari e sbocciano all'inizio della primavera. Il frutto è una bacca, simile ad una piccola oliva che diviene nero-bluastra con la maturazione. Le bacche contengono un solo seme e maturano nei mesi di ottobre e novembre e sono molto aromatiche.

Uso in cucina

In cucina l’Alloro è molto prezioso per aromatizzare, con le sue foglie, arrosti e carni alla brace. Dalle bacche si ottiene un delizioso liquore chiamato LAURINO. Le bacche di alloro si fanno essiccare al forno a bassa temperatura e si conservano poi dentro barattoli di vetro ed hanno un sapore molto più forte e robusto delle foglie.

Di seguito, la nostra ricetta del LIQUORE ALL’ALLORO

INGREDIENTI E DOSI PER 4 PERSONE:

·         1 lt. Di alcool 90 gradi;

·         700 ml. Di acqua;

·         350 gr. Di zucchero;

·         30 foglie di alloro fresco.

PREPARAZIONE: mettere le foglie di alloro in infusione nell’alcool per una settimana tenendo il barattolo nel quale avete messo gli ingredienti al buio. Passato questo periodo di tempo iniziare la preparazione del liquore facendo bollire in una pentola 700 ml. di acqua con 350 gr. di zucchero. Quando il liquido si sarà raffreddato unire l’alcool filtrato con un colino fitto. Il filtraggio è un’operazione molto importante e andrà effettuato per almeno due volte l’una a distanza di 15 giorni dall’altra. Potrete assaporare il vostro liquore dopo un mese di riposo dai filtraggi.

Uso terapeutico

L’Alloro è anche utilizzato a fini terapeutici, infatti l’infuso facilita la digestione, soprattutto di chi ha problemi di fermentazione. Combatte inappetenza e dolori allo stomaco. Inoltre, le frizioni con oli essenziali sono di grande aiuto contro reumatismi, distorsioni e slogature.

E voi che utilizzo ne fate? Lo usate più per cucinare o per curare qualche disturbo?

Avete voglia di condividere con noi le vostre ricette? Scriveteci qui sotto nei commenti!

Commenti

Lascia il tuo commento